Inizio della pagina -
Logo DISCO
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
Logo Ateneo
   
Per gli Studenti
Teoria del linguaggio

Anno I - primo semestre - percorso A

Docenti: Carlo Cecchetto, Gennaro Chierchia, Maria Teresa Guasti

Settore scientifico-disciplinare: M-FIL/05

Crediti: 10

Ore di lezione: 60

Obbiettivi del corso

Il linguaggio è costituito da un lessico, da un apparato combinatorio (che consente di comporre le parole in sintagmi e frasi) e da un sistema interpretativo. Questo corso affronta l'architettura di questi componenti e il suo interfacciarsi con il nostro sistema concettuale-cognitivo.

Argomenti del corso

Primo Modulo: Gli universali linguistici. Il caso delle domande.
Per universali linguistici si intendono delle proprietà che sono comuni a tutte le lingue del mondo (o perlomeno alle lingue che sono state studiate finora). L'interesse nell'individuare tali proprietà sta nel fatto che esse possono costituire una chiave di accesso privilegiata all'organizzazione della facoltà del linguaggio, che, essendo invariante nella nostra specie, in alcuni casi è direttamente responsabile dell'esistenza degli universali.
Dopo aver passato in rassegna alcuni risultati della ricerca sugli universali, ci si concentrerà sulle proprietà delle frasi interrogative, studiando le proprietà invarianti delle domande in tutte le lingue note.
Secondo Modulo: Linguaggio, pensiero e realtà. Il caso dei nomi massa.
Le lingue indoeuropee distinguono tra nomi contabili (come tavolo, che si possono combinare con espressioni numerali tre tavoli) e nomi non contabili (come sangue che non si possono combinare, in maniera naturale, con espressioni numerali * tre sangui). In prima istanza questo contrasto sembra riflettere una distinzione ontologico-concettuale tra entità discrete ed identificabili e sostanze non costituite di parti discrete (accessibili alla nostra percezione). In realtà, è dubbio che sia così. Ci sono molti nomi non contabili che sembrano riferirsi ad entità (o insiemi di entità) discrete: mobilia, argenteria, umanità, ecc. Questo pone il problema di quale sia la natura vera della distinzione contabile/non contabile, questione che va affrontata sia attraverso l'analisi comparata delle lingue, sia in modo sperimentale.
Terzo Modulo: Semantica e pragmatica sperimentale
In questo modulo verranno affrontati alcuni snodi fondamentali della ricerca corrente in
psicolinguistica e in acquisizione del linguaggio, con particolare riferimento alla semantica ed alla sua interazione con la pragmatica. In particolare si discuterà della genesi e dello sviluppo della competenza semantico-pragmatica nel bambino con particolare riferimento allo sviluppo delle implicature e della distinzione massa-contabile.

Programma dell'esame

Per il primo modulo:
Baker M. (2003). Gli atomi del linguaggio. Milano: Hoepli. Capp. 1-4 (73 pagine).
Dispense distribuite a lezione.
Per il secondo modulo:
Chierchia G. (1998). Plurality of Mass Nouns, in S. Rothstein (ed.) Events in Grammar, Kluwer (40 pagine).
Dispense distribuite a lezione.
Per il terzo modulo: Papafragou A. & Musolino J. (2001). Scalar implicatures: experiments at the semantics-pragmatics interface. Cognition 86: 253-282 (29 pagine).
Noveck I., Chierchia G., Chevaux F., Sylvestre E. (2002). Linguistic-pragmatic factors in
interpreting disjunctions. Thinking & Reasoning 8: 297-326 (29 pagine).
Costa A., Sebastian-Gallés N., Miozzo M. & Caramazza A. (1999). The gender congruity effect:
Evidence from Spanish and Catalan. Language and Cognitive processes 14: 381-391 (10 pagine).
Guasti M.T., Gavarrò A., De Lange J. & Caprin C. (2004). Article Omission: across Child
Languages and across Special Registers. Proceedings of Gala 2003. Utrecht University. (12 pagine)
Clahsen H., Hadler M. & Weyerts H. (in stampa) Speeded production of inflected words in children and Adults. Journal of Child language (20 pagine)
Dispense distribuite a lezione: 15 pagine.

Modalità d'esame

L'esame prevede una prova scritta nella forma di domande aperte e una prova orale. Sono previste prove in itinere per i frequentanti, alla fine di ogni modulo.

Approfondimenti

Google Translate
Translate to English Translate to French Translate to German Translate to Spanish Translate to Chinese Translate to Portuguese Translate to Arabic
Translate to Albanian Translate to Bulgarian Translate to Croatian Translate to Czech Translate to Danish Translate to Dutch Translate to Finnish Translate to Greek Translate to Hindi
Translate to Hungarian Translate to Irish Translate to Japanese Translate to Korean Translate to Norwegian Translate to Polish Translate to Romanian Translate to Russian Translate to Serbian
Translate to Slovenian Translate to Swedish Translate to Thai Translate to Turkish

(C) Copyright 2016 - Dipartimento Informatica Sistemistica e Comunicazione - Viale Sarca, 336
20126 Milano - Edificio U14
redazioneweb@disco.unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 30/03/2011