Inizio della pagina -
Logo DISCO
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
Logo Ateneo
   
Per gli Studenti
Modelli filosofici del linguaggio e problematiche di socio-linguistica

(mutuato dal Corso di laurea specialistica in Psicologia delle organizzazioni e dei comportamenti di consumo)

Francesca Panzeri

 

PERCORSO FORMATIVO: insegnamento a scelta guidata  A

SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE: L-LIN/01

ANNO: I

SEMESTRE:II

CREDITI: 6

ORE DI LEZIONE: 40

ORE DI ESERCITAZIONE: non previste

ORE DI LABORATORIO: non previsto

Finalità corso

Il corso si propone di introdurre alcune tematiche inerenti lo studio del linguaggio, nel suo rapporto con fattori sociali e con il contesto conversazionale.

Argomenti corso

L'insegnamento si articola in due moduli. Il primo modulo fornisce un'introduzione ai concetti di base della sociolinguistica tra i quali: definizione di varietà linguistiche (lingue, dialetti, registri) e di comunità linguistiche; rapporti tra varietà linguistiche (da un punto di vista diacronico: modello dell'albero generalogico e teoria delle onde; pidgin e creoli; e da un punto di vista sincronico: diglossia, code-switching, code-mixing, prestiti); approcci quantitativi all'analisi sociolinguistica. Il secondo modulo si focalizza sull'interfaccia tra semantica e pragmatica nell'analisi del linguaggio, esaminando in particolare l'interazione bilaterale tra contesto conversazionale e contenuto enunciativo: da un lato, informazioni contestuali influiscono sulla determinazione di ‘ciò che viene detto' con una frase (risoluzione delle ambiguità, identificazione del riferimento di espressioni indicali, fissazione del dominio di quantificazione, ecc.); dall'altro lato, il contenuto influisce sul contesto, in quanto ci si serve del linguaggio per modificare stati di cose (atti linguistici; uso performativo del linguaggio; rapporto tra significato e intenzione). Il modulo si sofferma sul modo in cui questa interazione è stata analizzata nella tradizione filosofica del ‘900 e sul ruolo che essa ha avuto nel plasmare le teorie filosofiche del linguaggio.

Testi esame:

Primo modulo:
Hudson R. (1998). Sociolinguistica. Bologna: Il Mulino (alcuni capitoli da definire).
Dispense e articoli resi disponibili durante il corso.
Secondo modulo:
Bianchi C. (2003). La pragmatica del linguaggio. Roma/Bari: Laterza (pp. 3-130).
Dispense e articoli resi disponibili durante il corso.
Possibili variazioni ai testi d'esame saranno comunicate a inizio lezioni e sul sito di Facoltà.

Modalità d'esame

L'esame prevede una prova scritta nella forma di domande aperte e una eventuale prova orale (cui si accede previo superamento della prova scritta). Sono previste prove in itinere per i frequentanti, alla fine di ogni modulo.

Approfondimenti

Google Translate
Translate to English Translate to French Translate to German Translate to Spanish Translate to Chinese Translate to Portuguese Translate to Arabic
Translate to Albanian Translate to Bulgarian Translate to Croatian Translate to Czech Translate to Danish Translate to Dutch Translate to Finnish Translate to Greek Translate to Hindi
Translate to Hungarian Translate to Irish Translate to Japanese Translate to Korean Translate to Norwegian Translate to Polish Translate to Romanian Translate to Russian Translate to Serbian
Translate to Slovenian Translate to Swedish Translate to Thai Translate to Turkish

(C) Copyright 2016 - Dipartimento Informatica Sistemistica e Comunicazione - Viale Sarca, 336
20126 Milano - Edificio U14
redazioneweb@disco.unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 30/03/2011