Inizio della pagina -
Logo DISCO
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
Logo Ateneo
   
Per gli Studenti
Laboratorio di progettazione

Codice insegnamento F9201P002
MODULO 1

Finalità corso
Questo modulo si propone di trasmettere agli studenti la capacità di analizzare, progettare e realizzare un sito web di media complessità.

Argomenti corso

Il corso è strutturato in forma di laboratorio: gli studenti, organizzati in gruppi di lavoro, definiscono i requisiti di un sito, ne impostano il progetto e ne realizzano le parti principali. Il laboratorio utilizza un modello di sviluppo per prototipi successivi, strutturato in fasi ben definite: definizione dei requisiti, pianificazione del progetto, web design, visual design, sviluppo dl sito, redazione dei contenuti. I semilavorati realizzati in ciascuna fase vengono discussi con il docente, in incontri di revisione individuali e collettivi.
Gli incontri di revisione con i docenti si alternano a lezioni monografiche, di carattere metodologico, nelle quali vengono discusse le problematiche di sviluppo di ciascuna fase di lavoro e vengono presentati i vantaggi dello sviluppo per prototipi successivi con il coinvolgimento degli utenti per la convalida dei risultati di ogni fase. Nel corso del laboratorio viene data particolare enfasi agli aspetti di impostazione metodologica del progetto, all’analisi dei requisiti, all’architettura dell’informazione, alla ricerca e all’utilizzo di componenti software disponibili in rete (che non richiedano quindi capacità di programmazione) e alla usabilità del prodotto finale. Il sito viene realizzato utilizzando una piattaforma gratuita, a scelta degli studenti (tipicamente, wordpress, webs, weebly o simili). Il sito da realizzare viene proposto da ciascun gruppo di lavoro, sulla base degli interessi e delle competenze dei suoi componenti. Si richiede che i siti proposti corrispondano ad esigenze reali, di organizzazioni non-profit, e che esista la possibilità di intervistare potenziali "stakeholder" del sito per la raccolta e la validazione dei requisiti. Data la organizzazione del laboratorio, è indispensabile una presenza sistematica degli studenti alle lezioni e agli incontri di revisione programmati.

Bibliografia
Polillo R. (2006), Plasmare il Web, Milano, Apogeo.
Slide utilizzate a lezione.

Modalità d'esame

L'esame è integrato con quello del secondo modulo. Per quanto riguarda questo specifico modulo, consiste nella presentazione e discussione del sito realizzato, e del materiale documentale relativo.

MODULO 2

Finalità corso

Questo modulo si propone di analizzare, progettare e realizzare (in forma prototipale) un sistema per l'utente finale ad alta interattività.

Argomenti corso
L’interaction design come nuovo modo di progettare • Qualità dei sistemi interattivi • Semplicità (John Maeda) • Apertura, molteplicità, continuità • Il progetto itsme • Presentazione dei temi su cui svolgere il progetto.
Dopo le lezioni che occuperanno le prime 8 ore, gli studenti si organizzeranno in gruppi e inizieranno a svolgere i loro progetti. Il loro lavoro di progettazione avrà frequenti revisioni da parte del docente.
Gli studenti saranno anche tenuti a partecipare ai seminari sugli argomenti relativi al corso che si terranno al DISCO o, comunque, a Milano.


Bibliografia

http://www.itsme.it/
De Michelis G. (1998), Aperto, molteplice, continuo, Milano, Dunod Italia.
De Michelis G., The Swiss Pattada: designing the ultimate tool, (with original drawings by Marco Susani), Interactions, 10.3, 2003, 44-53.
De Michelis G., The Design of Interactive Applications: A Different Way: First Notes. In P: Spirakis, A, Kameas, S. Nikoletseas (editors), Proceedings of the International workshop on Ambient Intelligence Computing, Santorini (Greece), June 2003, pp. 101-114.
De Michelis G., Loregian M., Moderini C. (2009). Itsme: interaction design innovating workstations.Knowledge, Technology & Policy, 22, 71-78.
De Michelis G., Loregian M. (2009). An Early Vision of Stories and Venues. In: C. Batini, R. Schettini (a cura di), Emerging Paradigms in Informatics, Systems and Communication, Milano: Quaderni DISCo, pp. 89-92.
Maeda J. (2007). Le leggi della semplicità. Bruno Mondadori.


Modalità d'esame

L'esame sarà integrato con quello del primo modulo. Per quanto riguarda questo specifico modulo, consisterà nella discussione di un progetto svolto in gruppi di 3-5 studenti secondo l'approccio dell'interaction design.

 

Approfondimenti

Google Translate
Translate to English Translate to French Translate to German Translate to Spanish Translate to Chinese Translate to Portuguese Translate to Arabic
Translate to Albanian Translate to Bulgarian Translate to Croatian Translate to Czech Translate to Danish Translate to Dutch Translate to Finnish Translate to Greek Translate to Hindi
Translate to Hungarian Translate to Irish Translate to Japanese Translate to Korean Translate to Norwegian Translate to Polish Translate to Romanian Translate to Russian Translate to Serbian
Translate to Slovenian Translate to Swedish Translate to Thai Translate to Turkish

(C) Copyright 2016 - Dipartimento Informatica Sistemistica e Comunicazione - Viale Sarca, 336
20126 Milano - Edificio U14
redazioneweb@disco.unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 25/08/2011