Page begin -
Logo DISCO
|
Go to the Highly accessible area
|
Go to the Content page
|
Go to the End of content
|
Go to the Main menu
|
Go to the Navigation Bar (location)
|
Go to the Navigation menu (tree)
|
Go to the Commands list
|
Go to the Further readings
|
Go to the Bottom Menu
|
Logo Ateneo
   
Education
Ergonomia cognitiva

(mutuato dal Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche)

Docenti: Daniele Zavagno, Fabio Ferlazzo

PERCORSO: a scelta guidata A

SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE: M-PSI/01

ANNO: II

SEMESTRE: I

CREDITI: 6

ORE DI LEZIONE: 40

Finalità corso

Questo corso ha l'obiettivo di fornire allo studente gli strumenti concettuali e metodologici per affrontare problematiche ergonomiche di interesse della psicologia, quali il funzionamento dei sistemi sensoriali (limiti e potenzialità), lo studio dell'errore umano e i metodi di prevenzione degli errori, la misura del carico di lavoro mentale e lo studio dell'interazione tra esseri umani e tecnologie. Particolare rilievo verrà dato allo studio concreto di problemi e pregi legati al design di oggetti vari e di interfacce uomo-macchina, e delle tecniche di analisi e di intervento.

Argomenti corso

Introduzione all'ergonomia cognitiva. I sistemi sensoriali e la raccolta e organizzazione di informazione. Concetto e ruolo di affordance. L'attenzione e il carico di lavoro mentale. L'errore umano. L'automazione. L'usabilità. Il ruolo dello psicologo in ergonomia. Il laboratorio di ergonomia cognitiva.

Testi esame:

Per i FREQUENTANTI di tutti e due i moduli (bisogna avere una presenza in aula di almeno 32 ore, 16 ore minimo per ciascun modulo):
- Di Nocera F. (2004). Cos'è l'ergonomia. Roma: Carocci.
- dispense delle lezioni di Zavagno
- due articoli a scelta tra quelli forniti da Ferlazzo
- un libro a scelta tra quelli sotto indicati:
*Ferlazzo F. (2004). Metodi in Ergonomia Cognitiva. Roma: Carocci.
*Catino M. (2002). Da Chernobyl a Linate. Roma: Carocci.
*Norman D. (2005). Il computer invisibile. Milano: Apogeo.
*Norman D. (2004). Emotional design. Perché amiamo (o odiamo) gli oggetti della vita quotidiana. Milano: Apogeo.
Per i NON FREQUENTANTI:
- Di Nocera F. (2004). Cos'è l'ergonomia. Roma: Carocci.
- Ferlazzo F. (2004). Metodi in Ergonomia Cognitiva. Roma: Carocci.
- due articoli a scelta tra quelli forniti da Ferlazzo
- un libro a scelta tra quelli sotto indicati:
*Catino M. (2002). Da Chernobyl a Linate. Roma: Carocci.
*Norman D. (2005). Il computer invisibile. Milano: Apogeo.
*Norman D. (2004). Emotional design. Perché amiamo (o odiamo) gli oggetti della vita quotidiana. Milano: Apogeo.

Modalità d'esame

Per i FREQUENTANTI: possibilità di un pre-appello con esame scritto vertente sul primo modulo (esclusi gli articoli e il libro a scelta) se almeno 2/3 degli studenti frequentanti dichiara l'intenzione di presentarsi per l'appello. Per tutti: esami orali.

Further readings
(C) Copyright 2016 - Dipartimento Informatica Sistemistica e Comunicazione - Viale Sarca, 336
20126 Milano - Edificio U14
redazioneweb@disco.unimib.it - last update of this page 30/03/2011