Page begin -
Logo DISCO
|
Go to the Highly accessible area
|
Go to the Content page
|
Go to the End of content
|
Go to the Main menu
|
Go to the Navigation Bar (location)
|
Go to the Navigation menu (tree)
|
Go to the Commands list
|
Go to the Further readings
|
Go to the Bottom Menu
|
Logo Ateneo
   
Education
Architettura

Docente: R. Bisiani, M. Dominoni, R. Melen, C. Raibulet, D. G. Sorrenti

Crediti: 10 CFU

Obiettivi del corso:

  1. Introduzione all'instruction set architecture, esecuzione del linguaggio macchina e di alto livello. Introduzione all'ingresso uscita (controllo di programma, interruzione, accesso diretto alla memoria).
  2. Corso introduttivo di reti che tratta tutti i livelli della stack TCP/IP2

Descrizione e Programma del corso

Il corso si articola nei seguenti moduli:

  • Elaboratori: 5 CFU docente: R. Melen e D.G. Sorrenti e
  • Reti: 5 CFU docente: R. Bisiani e M. Dominoni

Elaboratori

Conoscenze: Lo studente apprende nozioni introduttive sul funzionamento dei calcolatori.

Prerequisiti: Familiarità, al livello dei programmi delle scuole superiori, con aritmentica binaria, unità di misura elementari della fisica, concetto di segnale periodico, legge di Ohm, etc.

Programma:

  • Rassegna del set di istruzioni della cpu di riferimento del corso (mips r2000/3000), istruzioni e formato.
  • Spim, il simulatore della cpu di riferimento del corso
  • Nozioni di logica booleana e rassegna (analisi) di alcuni circuiti notevoli.
  • Ciclo fondamentale di funzionamento della cpu, percorso dei dati e sua implementazione in versione a singolo ciclo di clock.
  • Tecniche di gestione dell'ingresso - uscita (controllo di programma, interruzione di programma, accesso diretto alla memoria).
  • Aspetti architetturali per la gestione delle eccezioni e gestore delle eccezioni

Testo di riferimento: David A. Patterson and John L. Hennessy, "Computer Organization and Design: The Hardware/Software Interface", 2nd ed., Morgan & Kaufmann, 1997, ISBN 1-55860-428-6 (di questo testo esiste una traduzione italiana, indicata qui di seguito; si consiglia comunque di studiare sulla versione inglese: David A. Patterson and John L. Hennessy, "Struttura, Organizzazione e Progetto dei Calcolatori", Jackson Libri, collana Università, ISBN 8825615175)

Reti

Obiettivo: Introdurre lo studente al funzionamento delle reti di calcolatori ed in particolare ad Internet; indirizzato a studenti senza alcuna nozione di elettronica.

Abilità: capacità di configurare una LAN e di analizzare i pacchetti della rete.

Programma:

  • Introduzione alle reti e ad Internet con cenni storici. In particolare si vedono sia gli aspetti fisici che teorici arrivando al modello a pila protocollare che sta alla base di Internet odierno.
  • Livello Applicativo. Si comincia ad analizzare la pila protocollare a partire dal livello che è più familiare agli studenti, quello applicativo. In particolare si analizzano i protocolli più comuni, come http, smtp, ftp, telnet, dns. Vengono analizzate le moderne tecniche di web-caching e di distribuzione dei contenuti con protocolli p2p.
  • Livello di Trasporto. Vengono esaminati in dettaglio i protocolli usati in Internet, UDP e TCP. Vengono introdotti modelli teorici per analizzare il protocollo di trasferimento affidabile, in particolare si analizzano i meccanismi di "Go-back-N" e di "Selective Repeat"
  • Livello di Rete. Viene analizzato il protocollo di rete di Internet sia nella attuale versione (IPv4) che nella versione futura (IPv6). Vengono introdotti i principi di routing e di multicast.
  • Livelli di connessione e fisico. Vengono analizzati i principali protocolli di connessione punto a punto e su mezzo condiviso, con particolare attenzione alle reti locali. Vengono analizzate le realizzazioni delle moderne reti locali strutturate. Vengono analizzati i protocolli radio - IEEE 802.11.
  • Applicazioni Multimediali di Rete. Vengono analizzate le applicazioni multimediali con particolare riferimento alla differenza rispetto alle applicazioni di rete classiche. Vengono analizzate le necessità delle applicazioni multimediali in relazione ai limiti attuali di Internet, in particolare con il servizio "best effort" tipico della rete odierna. Vengono introdotti i protocolli adatti alle trasmissioni multimediali quali rtsp, rtp e rtpc.

Testo di riferimento:

Libro di testo
Ed. italiana: James F. Kurose , Keith W. Ross "Internet e Reti di
Calcolatori" Terza Edizione, Pearson, 2005
Ed. inglese: James F. Kurose , Keith W. Ross "Computer Networking - A
top-down approach featuring the Internet" Third Edition, Pearson, 2005 Ciao Matteo

Further readings
(C) Copyright 2016 - Dipartimento Informatica Sistemistica e Comunicazione - Viale Sarca, 336
20126 Milano - Edificio U14
redazioneweb@disco.unimib.it - last update of this page 25/03/2011