Inizio della pagina -
Logo DISCO
|
Visita la Versione ad elevata leggibilità
|
Vai al Contenuto della pagina
|
Vai alla Fine dei contenuti
|
Vai al Menu Principale
|
Vai alla Barra di navigazione (sei in)
|
Vai al Menu di navigazione (albero)
|
Vai alla Lista dei comandi
|
Vai alla Lista degli approfondimenti
|
Vai al Menu inferiore
|
Logo Ateneo
   
Didattica
Linguistica generale

Anno I - primo semestre - percorso B

Docenti: Maria Nella Carminati, Francesca Panzeri

Settore scientifico-disciplinare: L-LIN/01

Crediti: 10

Ore di lezione: 60

Ore di esercitazioni: 20

Il corso costituisce una introduzione allo studio della struttura del linguaggio umano e di come questo funziona nei processi di comunicazione, in interazione con altri aspetti del nostro apparato cognitivo. L'obbiettivo principale della linguistica è da un lato l'individuazione
delle proprietà universali delle lingue e, dall'altro, delle dimensioni secondo le quali le lingue possono variare. La grammatica di una lingua viene vista come un sistema di conoscenze implicite, codificate nel cervello umano, che si sviluppa spontaneamente nel bambino e che è
alla base dell'uso che il parlante fa della propria lingua.

Argomenti del corso

Il corso si articola in tre moduli di venti ore ciascuno, in corrispondenza alle principali articolazioni della disciplina.

Primo modulo: Morfologia e fonologia.

La morfologia è lo studio della struttura interna di una parola. Per esempio nella parola fumatore un parlante dell'italiano riconosce la radice del verbo fumare e l'affisso agentivo - ore. Esempi di argomenti da trattare: ampiezza del lessico, derivazione, flessione, parole composte. La fonologia è lo studio della struttura dei suoni delle lingue umane; per esempio la s di sbaglio e quella di sparo sono materialmente molto diverse, anche se vengono
percepite come repliche di uno stesso tipo (il "fonema"). Questo significa che noi operiamo un processo di astrazione sia nel produrre che nel riconoscere i suoni della nostra lingua. Esempi di argomenti da trattare: i sistemi di fonemi, i processi fonologi più ricorrenti, la struttura prosodica.

Secondo modulo: Sintassi.

La sintassi è lo studio dei modi in cui le parole vengono a costituirsi in frasi. I parlanti di una lingua sanno produrre e riconoscere un numero potenzialmente infinito di frasi, incluse
frasi mai incontrate prima. Come è possibile, dati i nostri limiti cognitivi di memoria, attenzione, ecc.? Esempi di argomenti da trattare: La struttura in costituenti, il caso, agente-paziente vs. soggetto-oggetto, tipi di dipendenze grammaticali (accordo, anafora, ecc.).

Terzo modulo: Semantica e pragmatica.

La semantica è lo studio di come le frasi vengono interpretate sulla base delle convenzioni linguistiche vigenti. La pragmatica studia il modo in cui i parlanti usano le frasi della propria lingua (anche andando al di là degli usi "standard" o "convenzionali"). Esempi di argomenti da trattare: la sinonimia, la presupposizione, la forma logica, l'implicatura.

Esercitazioni

Le esercitazioni prevedono lo svolgimento di esercizi dello stesso tipo di quelli che fanno parte della prova d'esame; essi costituiscono l'applicazione delle tecniche illustrate e motivate in classe che includono: Morfologia e fonologia: scomposizione di parole in morfemi, trascrizione fonetica, esercizi sulla struttura prosodica; Sintassi: analisi in costituenti di frasi, esercizi sui ruoli tematici, sul caso, sulle dipendenze a distanza; Semantica: riconoscimento dei nessi semantici fondamentali, dimostrazione di nessi semantici di conseguenza con le tavole di verità.La partecipazione alle esercitazioni è facoltativa.

Programma dell'esame

Testo comune a tutti i moduli:
Akmajan A. et al. (1996). Linguistica. Bologna: Il Mulino (Parte I, pp. 13-277).

Primo modulo:
Nespor M. (1994). Fonologia. Bologna: Il Mulino (capp. 1-4, pp. 13-102 e cap. 7, pp. 149-183).

Secondo Modulo:
Cecchetto C. (2002). Introduzione alla sintassi. Milano: LED.

Terzo Modulo:
Chierchia G. (1996). Semantica. Bologna: Il Mulino (capp 1-5, pp. 13- 216).

A lezione e alle esercitazioni verranno resi disponibili i lucidi.

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova scritta e in una successiva eventuale prova orale. La prova scritta comporta domande a scelta multipla, a risposta aperta, ed esercizi analoghi a quelli che si trovano nei testi. Per chi frequenta, si prevedono accertamenti scritti durante il semestre
in corrispondenza dei moduli. Tali prove in itinere verranno valutate rispetto al voto di esame finale e possono portare all'esenzione totale o parziale dalla prova scritta di fine corso.

Approfondimenti

Google Translate
Translate to English Translate to French Translate to German Translate to Spanish Translate to Chinese Translate to Portuguese Translate to Arabic
Translate to Albanian Translate to Bulgarian Translate to Croatian Translate to Czech Translate to Danish Translate to Dutch Translate to Finnish Translate to Greek Translate to Hindi
Translate to Hungarian Translate to Irish Translate to Japanese Translate to Korean Translate to Norwegian Translate to Polish Translate to Romanian Translate to Russian Translate to Serbian
Translate to Slovenian Translate to Swedish Translate to Thai Translate to Turkish

(C) Copyright 2016 - Dipartimento Informatica Sistemistica e Comunicazione - Viale Sarca, 336
20126 Milano - Edificio U14
redazioneweb@disco.unimib.it - ultimo aggiornamento di questa pagina 30/03/2011